Bruno e Marco in montagna



Era da un bel po' di tempo che non uscivo con Bruno e tutti e due volevamo solo guidare in scioltezza senza affaticarci troppo, comunque sia, ho proposto di fare il percorso dei cancelli e Bruno ha accettato entusiasta, non avevo valutato bene che era da pi di un anno che non ci passavamo e che le forti piogge hanno cambiato la natura del percorso, dove prima era un poco brutto adesso era buono, dove era buono ora era brutto e per finire dove era brutto ora era diventato ancora pi brutto !
si parte e si arriva in un punto sempre stato brutto......faccio da apripista nella bretella ex-Laureato in salita, le ultime volte mi ricordavo esserci tre canali equidistanti e longitudinali con pietrozze sparse dentro, burroncino spinoso a sinistra e a destra costone roccioso con vecchia rete metallica e pericolosi paletti inclinati , quindi ben poco posto dove passare spensierati ..... adesso i tre canaloni erano tutti ripieni di pietre di tutte le dimensioni sino a piccoli massi ..... come l'ho vista ho esclamato...NOOO !!! , non ne ho voglia ...... ho iniziato ad affrontare le pietre grosse galleggiandoci sopra , curva cieca (sempre su piccoli massi) rallento per capire dove passare ed essendo in salita la moto tende a fermarsi, ma lo spirito di conservazione (c'era il sole e gi si sudava) mi ha fatto pensare , se mi fermo mi spolmono a portarla su....quindi spingi sulle pedane e gas ....sbonk...sbonk....sono su ; Bruno salito spedito e senza lamentarsi, poi ancora altri passaggi non simpatici sino a N.S'Elena , poi tutto sotto controllo anche se le pietre e canaloni imperavano ma almeno erano di zone conosciute :) , uscita alla fine anche fresca , spensierata e in ottima compagnia.
Ciao a tutti,
Marco

scive Bruno:
Esco! Dopo tanto lockdown, dopo tante peripezie finalmente esco con la Mandorlina. Sabato pomeriggio giornata da urlo raggiungo lo Zio al Kalebar e dopo il caff di rito via per la salita in montagna.
Saliamo dal fiume e cancello ex macchina bruciata. Alla salita ex Laureato vedo lo Zio un po titubante, rallenta e si ferma poi riparte lento. Atteso lo stop di Marco decido di salire d'un fiato, se lo Zio si fermato segno di asparagi! Mi dice poi che le Rollingstones lo avevano infastidito. Dopo un anno di assenza da MP mi rendo conto delle variazioni di sassi e canaloni. Ad ogni modo mi sono davvero divertito, un'uscita all'insegna del relax e della spensieratezza appieno goduta. Grazie Zio